Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

RECENSIONE "BAD LIAR" DI LAUREN ROWE - TRISKELL EDIZIONI

Titolo: Bad Liar
Autore: Lauren Rowe
Pubblicato: il 22/11/2021
Genere: Contemporary
Edizione: Triskell
Trama: Far finta di credere a delle bugie non è mai stato così bello.
Reed Rivers, cazzo. Non crederei a una sola parola che possa uscire dalla bocca di quell’arrogante magnate musicale, nemmeno se la sua lingua placcata d’oro fosse certificata. L’uomo con il tocco di Re Mida direbbe di tutto per portarmi a letto, lo so. Ma questo non significa che io non voglia che ci riesca.
Infatti, nel momento esatto in cui ho posato gli occhi su di lui, mentre stava tenendo un discorso a un evento del campus, il corpo ha iniziato a farmi male, perché volevo sentire le sue dita dorate, e la sua lingua, su di me. Sfortunatamente, però, non posso cedere alla voglia di saltare addosso a quel presuntuoso. Non finché non avrò capito la migliore strategia da usare con lui…
La verità è che Reed ha qualcosa che voglio disperatamente. Qualcosa che il mio cuore desidera, molto più di una notte di divertimento con l’uomo più appetibile del mondo. Reed crede di tenere le redini di questo gioco di seduzione. Crede di essere un gattone di trentaquattro anni che si muove furtivo, e io un topolino timido di ventuno con gli occhi a cuoricino.
E invece… no.
Reed sta per scoprire che non è l’unico a caccia, in questo gioco del gatto con il topo…

RECENSIONE DI MARINA

Reed Rivers, dopo la morte del padre da una scossa alla sua vita, dopo la laurea si impegna per crearsi un impero nel mondo della musica, una casa discografica.
Ha pochi amici, tra cui Josh e Henn amici universitari e poi CeeCee Rafael, una giornalista che ha una sua editoria improntate su star della musica.
Giorgina è una neo laureata in giornalismo e si intrufola a una giornata dedicata agli studenti della UCLA , in cui sarà presente anche la famosa giornalista a cui spera di far leggere qualche suo scritto e sperare in un lavoro futuro.
Ma, qualcuno è presente e la loro alchimia è…
«Sei un’imbrogliona, tesoro. E anche piuttosto implacabile. Ho notato come ipnotizzi i tuoi clienti, compreso me, per farti dare grosse mance. Non provare nemmeno a fingere di non saper giocare magistralmente come Bobby Fischer.»
Il romanzo è ambientato nel mondo della musica e del giornalismo, due elementi che non possono stare senza l’un l’altro e che nella trama, sono un connubio perfetto. I personaggi son ben caratterizzati, sia fisicamente che caratterialmente, il linguaggio usato e di facile comprensione semplice e scorrevole.
Il POV è alternato, un age gap lui un magnate di 34 anni, lei una ragazza laureanda di 22 anni.
Devo dire che dalla trama, mi aspettavo tutt’altro, La storia ha del potenziale ma avrei preferito più intensità, molto probabilmente è una scelta stilistica, essendo il primo romanzo di una serie, forse l’autrice non ha voluto sbilanciarsi tanto, aspettiamo con ansia il secondo volume!
Vi auguro buona lettura!!!
Sono perplesso. «Non lo so, è questo il punto. Di solito so quando sono il cacciatore e quando la preda. Con questa ragazza non riesco a capire chi ha il coltello dalla parte del manico. Chi ha l’arco e le frecce. Mi sta mandando fuori di testa, in senso positivo.»
Condividi su facebook
Condividi su twitter