Titolo: La tua forma
Autore: Francesca Bufera
Genere: Narrativa Contemporanea, Rainbow
Data di pubblicazione: 8 Luglio 2020
Pagine: 244 pagine
Prezzo: 3,59 , in promozione
Su amazon: https://amzn.to/3gI3HGx

Trama: Che succede quando una forza che per natura attira gli altri si scontra con un’altra che altrettanto istintivamente li respinge? È ciò che si domanda Stefano, stakanovista che si divide tra studio universitario e insegnamento. Richiamato da una vecchia conoscente a dirigere con lei una scuola estiva nel Golfo dei Poeti, il suo rigore didattico è motivo di attrito quotidiano con gli educatori suoi coetanei, abituati invece a trattare i bambini con allegria ribelle e colorata.
Nessuno sa che Stefano, dietro la maschera di fermezza, cela un senso di colpa inscalfibile per il modo in cui ha fatto naufragare l’unica relazione importante della sua vita, con un uomo che non vede più da quattro anni. Un’uscita controvoglia, un gatto fulvo e gli azzurri di Porto Venere lo aiuteranno a superare il passato, spingendolo tra le braccia di un nuovo travolgente amore che da due estati, senza che se ne
accorgesse, è sempre stato a un passo da lui.

RECENSIONE DI SIMO 

Cari lettori, eccomi qui a parlarvi di un bellissimo romanzo tutto estivo: “La tua forma” di Francesca Bufera. Non conosco l’autrice, è la prima volta che leggo un suo libro, ma con questo romanzo mi ha letteralmente conquistata dalla prima all’ultima pagina.
Innanzitutto, è un romanzo da leggere proprio in questo periodo dell’anno, con un ambientazione tutta estiva che ci aiuta a entrare nel vivo della storia. Ci troviamo, infatti, tra La Spezia e Porto Venere, dei luoghi suggestivi, romantici ed emozionanti, proprio come questa storia. Stefano, vicepreside di una scuola estiva, è chiamato da tutti i suoi colleghi il Generale di Ferro per il suo carattere duro e scostante. Il suo aspetto, come ci suggerisce l’autrice, ci fa pensare a Ed Sheeran, il rosso cantante dal cuore tenero. Marco, un insegnante della stessa scuola, è il suo opposto: moro, abbronzato, aperto, schietto, amato da tutti per i suoi modi gentili e premurosi. Riuscirà a far gettare la maschera di ferro del Generale e mostrarci come in realtà è dentro la sua corazza protettiva?

E non posso farci nulla, se mi sforzo di essere diverso, l’effetto è ancora peggiore. Ci sono persone che ispirano la fiducia degli altri a pelle, come te, e ci sono persone come me che appaiono immediatamente sgradevoli, quando va bene invisibili, che sono abituate a impegnarsi due volte di più per scavalcare questa prima impressione sfavorevole, oppure imparano a fregarsene.

Stefano ci racconta in prima persona questa storia, il che ci aiuta a capire principalmente il suo punto di vista e i suoi sentimenti. Lui è un ragazzo di 28 anni che è cresciuto molto in fretta, ha molti tabù, e ha sofferto tanto in passato, tanto da precludersi a priori ogni possibilità di essere felice, preferendo passare le sue giornate tra i libri e in compagnia della sua gatta Milly.

Non puoi privarti della solitudine quando la solitudine è una tua caratteristica appiccicata addosso quanto, che so, i capelli rossi.

Posso dire di essermi perdutamente innamorata dei personaggi, soprattutto di Stefano, così complesso, dolce e profondo. Allo stesso modo, mi sono innamorata dello stile dell’autrice, molto delicato e al tempo stesso ironico, che riesce a evocare forti emozioni, e che ha saputo tenermi incollata al racconto.
Inoltre, con molta maestria e spontaneità, l’autrice ci parla di argomenti pungenti, come quello dell’omosessualità e della pansessualità. Temi che scaturiscono ricche riflessioni all’interno del libro, come ad esempio l’autoaccettazione e come può essere visto nella società.
Che altro posso dire, è un libro talmente ricco ed emozionante che non potete lascarvi scappare.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *