Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Titolo: La bugiarda
Autore: Hannelore Cayre
Traduttore: Tiziana Prina
Editore: Le Assassine
Collana: Oltreconfine
Data Pubblicazione: 17 settembre 2020
Pagine: 192
Prezzo: € 18,00
Trama: Patience Portefeux ha cinquantatré anni, due ottime figlie, un amore tiepido per un poliziotto e una madre demente ricoverata in una casa di riposo, la cui retta peggiora la sua già difficile situazione economica. Eppure prima di rimanere vedova in giovane età, la sua vita era trascorsa tra gli agi, grazie ai traffici della sua famiglia e del ricco marito, e il futuro le si prospettava brillante e scoppiettante come i fuochi d’artificio che tanto l’incantavano. Con la morte del marito, Patience è dunque costretta a trovarsi un lavoro, e sfruttando la sua perfetta conoscenza dell’arabo lo trova come interprete traduttrice al Ministero della Giustizia, sezione narcotici. Il lavoro non è solo frustrante, ma anche pagato in nero e senza sicurezze sociali, mettendo così Patience di fronte alla prospettiva di un futuro ben misero. Tuttavia un giorno, mentre ascolta e traduce delle intercettazioni che riguardano una famiglia di trafficanti di droga marocchini, le si presenta quella svolta che aveva sempre sognato.

RECENSIONE DI BARBY

Bentornati su Polvere di Libri, oggi per chiudere il mese di Gennaio, l’ultima recensione dedicata a “La bugiarda” best seller in Francia con il titolo “La Daronne” di Hannelore Cayre.
Ci troviamo in Francia, Patience, dopo la morte di suo marito e una vita di agi, si ritrova in difficoltà economica, costretta a lavorare sfrutta le sue capacità e diventa una traduttrice che lavora per la giustizia. Il suo lavoro comunque non la soddisfa e la sua situazione economica non è comunque delle migliori e proprio grazie a questo lavoro poco gratificante che riesce a sfruttare una situazione che gli si presenta.
Patience è un personaggio molto particolare, la sua vita è stata ed è molto particolare. Il romanzo scritto in prima persona narra la sua vita sia passata che presente e ci permette di capire l’evolvere della storia e la caratterizzazione del personaggio.
Un personaggio dalle tinte forti e dal passato fatto di agi a cui suo padre la ha abituata ma anche di malavita.
Sin da piccola Patience si è ritrovata di fronte agli affari illeciti del padre e ai segreti che poi anche da adulta ha dovuto portarsi dietro e proprio questo suo passato, che tanto la ha segnata, la porta a sfruttare la situazione che gli si presenta.
Uno stile semplice quello dell’autrice, un noir delicato che racchiude molti spunti di riflessione, una madre demente con cui non ha mai avuto un buon rapporto, due figlie ignare di ciò che fa la madre e una vita riservata.
Un romanzo piacevole che si presenta quasi come una biografia, che si staglia tra una routine quotidiana, crimine e molta ironia, alleggerendo così la lettura, precisa e scorrevole e mai  noiosa.
Consiglio la lettura agli amanti del genere!
Buona lettura!!!
Condividi su facebook
Condividi su twitter