Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

RECENSIONE "LA VOCE DEL MARE" DI VANESSA CONTILLO

Titolo: La voce del mare
Autrice: Vanessa Contillo
Genere: Narrativa Contemporanea
Editore: Self publishing
Prezzo Ebook: € 2,99
Prezzo cartaceo: € 10,00
Data di pubblicazione: 12 Novembre 2020
Numero Pagine: 190
Trama: “C’era una volta”, questo il preludio di quasi tutte le fiabe. Fin dalla notte dei tempi l’umanità ha voluto inventare e tramandare alle generazioni future miti e leggende, ma cosa succederebbe se questa volta a leggere storie della buonanotte non fosse un’amorevole madre per il suo bambino? E se a leggerle fosse invece un granchio e il mare l’ascoltatore a cui esse sono destinate? In un connubio tra poesia e realtà, rumore e silenzio, città e natura, il mare deve imparare ad affrontare i propri sentimenti, le proprie ansie e le proprie paure. Da sempre innamorato della luna e deluso dall’empietà dell’uomo, dovrà imparare a non soccombere alla rabbia, alla distruzione, alla sua tempesta emotiva. “La voce del mare” vuole gridare una storia d’amore i cui innamorati non sono umani, essi smetteranno di essere mare e luna e diventeranno l’uno per l’altra il Mare e la Luna. Ad affiancarlo nella sua ricerca di stabilità affettiva e sociale saranno un granchio e una donna di nome di Angela.

RECENSIONE DI SIMO

Bentornati su Polvere di Libri, eccomi qui per presentarvi un romanzo particolarissimo, dal titolo “La voce del mare”.              Già dalle prime battute capiamo di avere davanti qualcosa di diverso dal solito, perché la voce narrante è il mare, e come tale si presenta come ce lo immaginiamo, ovvero saggio, onniscIente, che con la sua immensità è lì per farci riflettere, rasserenare e riconnetterci col resto del mondo.
Queste sensazioni le ho ritrovate in tutto il libro, il mare mi ha aiutato a ristabilire la pace e mi ha donato saggezza, proprio come accade quando passeggio in riva al mare come Angela e un po’ mi sono immedesimata in lei ed è stato interessante capire il punto di vista del mare su di noi e sul nostro pianeta.
I messaggi che il mare ci lancia, anche grazie a quelli che il granchio legge perché ritrovati dentro a delle bottiglie, sono molteplici, direi filosofici ma semplici, ci arrivano dentro e ci fanno soffermare sugli errori che facciamo noi umani, ma non mancano di elogiare anche i nostri aspetti positivi.
Riuscite sempre a non scoraggiarvi e a non scrivere mai la parola fine quando incontrate un punto, piuttosto preferite andare a capo e ricominciare tutto dall’inizio, anziché arrendervi.
Penso che sia un libro molto audace, perché contiene tanti messaggi che possono aiutarci a migliorare la nostra vita e anche la nostra amata terra, il tutto reso possibile da un linguaggio molto semplice e non pretenzioso, ma efficace.
Dopo una giornata secca e aspra è come ritrovarsi ad aprire tanti cassetti e trovare una vecchia fotografia sbiadita: nonostante il tempo non puoi fare a meno di sorridere al ricordo di chi vi è ritratto.
Sono tante le frasi che mi hanno colpita, questo libro è davvero originale e fa bene al cuore. Leggetelo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter