Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Titolo: Gradier (Il Mondo Sospeso #1)
Autrice: Isabella Ciampa
Casa editrice: Self-publishing
Genere: Fantasy
Pagine: 363
Ebook: 0,99 euro (Prezzo di lancio)
Cartaceo: 12,99 euro (Prezzo di lancio)
Data di uscita: 25 Giugno 2021
Trama: Una guerriera divisa tra due mondi.
Un viaggiatore deciso a ritrovarla.
La Donna Rossa è una macchia sull’arena di Gradier. Umana tra le Fate, gladiatrice di professione. È sicura la sua vita sarà solo sangue e morte. Questo, finché non è proprio una Fata a cambiare tutto.
Il Viaggiatore ha una promessa da mantenere. Per farlo, deve unirsi agli Scovatori e salpare per mare. L’unica soluzione è trovare la rotta per la Grande Foresta, per raggiungere… lei. Sempre che riesca a sopravvivere abbastanza a lungo.
Due facce della stessa medaglia, un unico destino a guidarli verso un nuovo inizio.
Autrice: Isabella Ciampa è originaria di Vibo Valentia, in Calabria, ma ha studiato e vissuto per anni a Milano e, ultimamente, Parigi, entrambe città fredde e nuvolose dove la pioggia è all’ordine del giorno tanto quanto le cene al giapponese. Passa il tempo a fantasticare di mondi immaginari e situazioni improbabili, divorando libri e serie tv come patatine. Crea playlist su Spotify per ogni ora della giornata e, se rimane tempo, sfiletta nemici tra uno Zelda e un Final Fantasy. Crede nella libertà, nell’amore e nel sommo potere del binge-watching.

RECENSIONE DI MARINA

Bentornati su Polvere di Libri oggi vi parliamo del romanzo Fantasy “Gradier Il Mondo Sospeso” .
I personaggi sono ben descritti, sia fisicamente che caratterialmente in un ambiente fantasy e con una tematica di ingiustizia e sfruttamento. Lo stile dell’autore è semplice alternando la storia con pov alternati e narrati in terza persona, molto descrittivo nella presentazione di altri personaggi secondari. Come lettrice ho avuto difficoltà ad arrivare alla fine. Il romanzo non mi ha ispirato molto e non sono entrata in empatia con nessun personaggio, lasciandomi una fredda sensazione, e un senso di incompletezza. L’autore forse ha volontariamente omesso momenti clou della storia, mi aspettavo molto più da questa lettura.
Donna Rossa lo fissò senza capire. O, forse, una parte di lei colse subito il significato di quell’ordine, ma non lo razionalizzò altrettanto in fretta. «Perché?» «Perché verrai con me.» *
Condividi su facebook
Condividi su twitter